30 Ago 2016

Instagram Stories, la risposta di Facebook a Snapchat

La risposta a Snapchat dal mondo social è arrivata da qualche settimana da Instagram.

Lo scorso 2 agosto, infatti, il social network acquistato nell’aprile 2012 da Facebook ha lanciato la funzione “Stories”, che consente agli utenti di creare sequenze costituite da più immagini e video per poi condividerle con i propri follower. Anche queste storie, come quelle del social del fantasmino, restano visibili per 24 ore, prima di scomparire.

Creare una storia è molto semplice: basta cliccare sul segno + in alto a sinistra sulla schermata principale di Instagram, o, in alternativa, scorrere verso destra da un punto qualunque dello schermo e selezionare i contenuti che si intende mostrare insieme, per un massimo di 100 elementi. Si può poi scegliere se decorare o meno foto e video con scritte, emoji e filtri vari e se postarle contemporaneamente tutte sul proprio profilo.

Creando il racconto, si rendono gli elementi di questo fruibili ai propri follower in una sorta di slideshow personalizzato. Allo stesso modo è ovviamente possibile visualizzare le storie degli account più seguiti: questi, infatti, compaiono in una nuova barra posizionata in alto sullo schermo bardati con un cerchio colorato quando presentano un nuovo racconto. Per andare avanti e indietro lungo una storia, in un modo che richiama quello utilizzato da Snapchat, basta toccare lo schermo; per visualizzarne un’altra, bisogna invece scorrere.

Non è possibile lasciare commenti o mettere mi piace alle Instagram Stories: per farlo bisogna scrivere in privato a chi l’ha creata utilizzando Instagram Direct.